SEMPER 2017: pubblicato il programma

È online il programma del I semestre 2017 di SEMPER – Seminario permanente di poesia diretto da Pietro Taravacci e Francesco Zambon. Rispetto agli anni passati sono state introdotte alcune novità: oltre agli incontri con poeticritici, ormai una tradizione giunta al suo quinto anno, il Seminario offrirà dei workshop sulla traduzione  e una lezione-spettacolo su Mario Luzi ideato e condotto da Laura Piazza.

Potete consultare il programma integrale nel menù in alto del nostro sito, o accedervi direttamente con questo link.

Vi ricordiamo anche che il primo incontro di SEMPER 2017 sarà martedì 28 febbraio. L’ospite sarà la poetessa Rosaria Lo Russo, presentata da Massimo Rizzante. Trovate i dettagli qui.

Rosaria Lo Russo a Trento

SEMPER – Seminario permanente di poesia diretto da Pietro Taravacci e Francesco Zambon apre il suo quinto anno di attività. Martedì 28 febbraio alle ore 16:00 in aula 001 presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia avremo il piacere di ospitare la poetessa Rosaria Lo Russo. Introdurrà l’intervento Massimo Rizzante.

Rosaria Lo Russo (Firenze, 1964) è poetessa, saggista, traduttrice e attrice. Tra i suoi libri di poesia ricordiamo L’estro (1987), Comedia (1998) e il recente Nel nosocomio (2016). Nel corso degli anni ha collaborato con numerosi artisti e poeti (ricordiamo tra gli altri Iosif Brodskij, Mario Luzi, Giorgio Caproni e Nanni Balestrini). Tra i molti poeti che ha tradotto ci sono Anne Sexton, John Donne, Sylvia Plath. Da tempo si occupa di teoria e pratica della lettura poetica ad alta voce, argomento sul quale ha tenuto conferenze e seminari. Dal 2014 dirige il festival di poesia performativa PPPP_LaPasseraPoesia\/PerformanceinPiazza.

8-9 novembre: convegno sulla lettera poetica

Anche quest’anno SEMPER – Seminario permanente di poesia diretto da Pietro Taravacci e Francesco Zambon organizza un convegno internazionale, dal titolo La lettera in versi. Il convegno si terrà in aula 001 presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia di via Tommaso Gar 14, a partire dalle ore 14:30. È disponibile una versione del programma da scaricare qui.

Ulteriori informazioni dopo il break


Quello dell’epistola poetica è un genere particolare della scrittura letteraria. Solo apparentemente di limitata diffusione, in realtà essa è sempre presente nella tradizione delle lettere occidentali, a partire dalla poesia latina, dove da Lucilio a Catullo, fino alle Epistole di Orazio, è divenuto un vero e proprio genere poetico suo iure. Nelle letterature romanze medievali troviamo le epistole poetiche dei trovatori, come quelle di Guiraut Riquier («genere ibrido, dato che il contenuto è spesso teorico, se non didattico», secondo Segre), ma anche le lettere in versi dei personaggi inserite in alcuni romanzi in prosa, come il Tristan en prose o la Tavola Ritonda, nonché la corrispondenza poetica del Duecento italiano. Ancora, tra XV e XVII secolo, il modello oraziano (dalle Satire di Ariosto fino all’opera di Clément Marot e a Sappho to Philaenis di John Donne, per non parlare dei molti esempi di area spagnola, da Garcilaso a Lope fino a Quevedo e alle numerose epistole in versi nel teatro del Siglo de Oro) è molto vitale, mentre nello stesso periodo, in Italia, anche le Heroides ovidiane sono un modello alquanto diffuso. Nei secoli successivi gli esempi sono numerosi, spesso con funzione di poesia “militante”, di argomento letterario, morale, politico: in Francia Boileau e Voltaire, in Italia Foscolo o Leopardi, in Spagna le Epístolas en verso di Iriarte. Infine, il Novecento offre un panorama vario e complesso. Alle tipologie e alle funzioni tradizionali si sono aggiunte quelle legate alla riflessione sulla comunicazione o sull’incomunicabilità (di cui è paradigmatico esempio Rilke con Requiem für eine Freundin). Nella poesia contemporanea la lettera in versi sembra partecipare di quel movimento che porta il soggetto lirico a uscire da se stesso, mettendosi costantemente in questione, fino a svuotarsi, a protendersi alla ricerca dell’altro, di un tu concreto o generico, di una dimensione dialogica, di uno spazio collettivo e condiviso, talvolta anonimo o mitico, sviluppando una costante tensione tra presenza e assenza dell’interlocutore-destinatario.

Gli argomenti, dunque, sono molti, che si riflettono nella varietà di prospettive che il convegno vuole offrire. Come d’abitudine si confronteranno studiosi affermati e giovani ricercatori, che animeranno anche la tavola rotonda finale.

Paolo Zublena a Trento

Finite le vacanze il Seminario permanente di poesia diretto da Francesco Zambon e Pietro Taravacci riprende i suoi incontri. Inaugura la stagione autunnale Paolo Zublena, che terrà una conferenza intitolata Forme del soggetto nella poesia contemporanea. Zublena affronterà uno dei nodi principali della lirica contemporanea: il nodo della soggettività.

L’incontro si svolgerà presso l’aula 001 del Dipartimento di Lettere e Filosofia in via Tommaso Gar 14 alle ore 17:00. Vi aspettiamo!

Convegno “La lettera in versi”: prorogata la scadenza per l’invio di proposte

Chi volesse mandare una proposta per il convegno che il Seminario permanente di poesia ha organizzato per i giorni 8 e 9 novembre 2016 intitolato La lettera in versi ha ancora una possibilità: la scadenza per l’invio di proposte è stata prorogata al 20 luglio.

1

Se vi fosse sfuggita la comunicazione originale, la call for papers originale si può trovare qui.

Ricordiamo che le linee d’indagine proposte sono:

  • L’epistola in versi nelle diverse epoche letterarie.
  • I rapporti con la tradizione latina e le forme contigue (diatribe, prosimetri, epistole in prosa…)
  • Canoni della poesia epistolare: in epoca classica, medioevale, rinascimentale, barocca…
  • Canone e generi: epistole amorose, elegiache, morali, satiriche, politiche…
  • Caratteristiche tematiche, formali  e funzionali della lettera in versi:
    • strategie comunicative dell’epistola poetica,
    • caratteri dell’io poetico del mittente e il rapporto con i destinatari,
    • dinamica assenza/presenza del destinatario nell’epistola in versi,
    • riflessioni metaletterarie.
  • Il libro epistolare: modelli, caratteri, funzioni ed esempi.

Chi desiderasse partecipare, con un intervento di 20 minuti, dovrà inviare un abstract non superiore alle 300 parole, accompagnato da una breve nota bio-bibliografica di massimo 150 parole,  all’indirizzo letterainversi @ gmail .com entro e non oltre il 20 luglio 2016. La selezione degli abstract avverrà entro la fine di luglio e tutti gli autori verranno informati dell’esito entro la fine dello stesso mese di luglio.

Si avvicina la scadenza per il convegno sulla lettera poetica!

Ricordiamo a tutti gli interessati che la deadline per inviare proposte d’intervento al convegno internazionale sulla lettera poetica che si terrà a Trento l’8 e il 9 novembre 2016  si avvicina: la data ultima è il 10 luglio. È possibile consultare a questo indirizzo la call completa. È prevista la pubblicazione degli atti in una collana soggetta a peer review.

o-TIME-PASSING-facebook

Le linee d’indagine proposte sono:

  • L’epistola in versi nelle diverse epoche letterarie.
  • I rapporti con la tradizione latina e le forme contigue (diatribe, prosimetri, epistole in prosa…)
  • Canoni della poesia epistolare: in epoca classica, medioevale, rinascimentale, barocca…
  • Canone e generi: epistole amorose, elegiache, morali, satiriche, politiche…
  • Caratteristiche tematiche, formali  e funzionali della lettera in versi:
    • strategie comunicative dell’epistola poetica,
    • caratteri dell’io poetico del mittente e il rapporto con i destinatari,
    • dinamica assenza/presenza del destinatario nell’epistola in versi,
    • riflessioni metaletterarie.
  • Il libro epistolare: modelli, caratteri, funzioni ed esempi.

Chi desiderasse partecipare, con un intervento di 20 minuti, dovrà inviare un abstract non superiore alle 300 parole, accompagnato da una breve nota bio-bibliografica di massimo 150 parole,  all’indirizzo letterainversi @ gmail .com entro e non oltre il 10 luglio 2016. La selezione degli abstract avverrà entro la fine di luglio e tutti gli autori verranno informati dell’esito entro la fine dello stesso mese di luglio.