Mario Corona su Walt Whitman

Martedì 13 marzo Mario Corona sarà ospite di SEMPER – Seminario permanente di poesia diretto da Pietro Taravacci e Francesco Zambon terrà una conferenza dal titolo Walt Whitman: un poeta, tanti poeti.

Un incontro atteso e prezioso quello di SEMPER – Seminario permanente di poesia diretto da Pietro Taravacci e Francesco Zambon con Mario Corona, curatore e traduttore del recente Meridiano sull’ultima edizione di Foglie d’erba di Walt Whitman (già aveva curato per Marsilio la più breve edizione del 1855), un poema organico scritto dal 1855 al 1892 cresciuto con la vita del poeta da 12 fino a 389 poesie. Whitman ha ricercato una poesia distintamente americana, ha riscattato la sessualità dal silenzio nella tradizione poetica, ha cantato la democrazia in quanto nazione americana e quindi si è confrontato con il confine tra nazionalismo e imperialismo.

Nella sua introduzione meticolosamente documentata e persuasivamente non compromissoria, dal titolo accattivante “La gallina furtiva e il gatto dalla coda troppo lunga”, Corona ci porta a conoscere tanto Whitman poeta civile quanto la compagnia di contemporanei e suoi successori che ci permettono di contestualizzare e descriverne l’opera. Corona ci mette in guardia dallo stile travolgente di Whitman, simpatizza con chi leggendolo si sente travolta dal fiume dei suoi versi, ci conduce ad apprezzare i componimenti più compatti e ci conforta con un apparato di centinaia di note. La sua traduzione restituisce in una lingua a noi più vicina il plurivocalismo di Whitman che, come dice il titolo del suo intervento, è un poeta ma al contempo tanti poeti. Soprattutto Corona ci conduce dentro le sfumature più oblique e allusive del discorso whitmaniano sulla sessualità e sul desiderio, travolgente nella sua nonconformità al costume e alla morale del tempo e dirompente ancora oggi per la sua capacità di trascendere qualsiasi concezione normativa di genere.

Mario Corona condividerà con noi la scelta di affrontare la traduzione di un’opera estremamente disomogenea per stile e per contenuti, si soffermerà sulle versioni di due componimenti brevi da Calamus (“Two Boys Clinging Together” e “To a Stranger”) e discuterà in particolare del patriottismo di Whitman e della sua tematizzazione della sessualità per aprire quindi a una conversazione con il pubblico.

L’incontro si terrà in aula 001 presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia in via Tommaso Gar, 14, alle ore 17:00. Vi aspettiamo numerosi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...