Ut pictura poesis. Intersezioni di arte e letteratura

Call for Paper Proposals


2°Convegno Internazionale di SEMPER

Trento, 15-17 Ottobre 2014

 2nd SEMPER International Conference

Trento, 15-17 October 2014

 

Ut pictura poesis. Intersezioni di arte e letteratura

Il secondo convegno monografico programmato nell’ambito delle attività del Seminario Permanente di Poesia SEMPER dell’Università di Trento il prossimo autunno (15, 16 e 17 ottobre 2014) si intitola Ut pictura poesis. Intersezioni di arte e letteratura, e si propone di indagare la relazione tra letteratura e iconografia, approfondendo il connubio tra poesia e pittura che percorre ininterrottamente la cultura occidentale e che, dalla Grecia antica ai giorni nostri, si alimenta della doppia spinta creativa di parola e immagine alla ricerca della totalità del messaggio artistico.

➢      Idea e obiettivi del Convegno

L’accostamento analogico tra letteratura e pittura è una costante del pensiero occidentale, variamente interpretata da ogni epoca e tradizione nazionale a seconda dei contesti artistici e letterari. Il greco Simonide di Ceo definisce la pittura “poesia muta”e la poesia “pittura che parla”, un concetto rielaborato da Orazio, che lo fissa nella fortunata formula ut pictura poesis (Ars poetica, 361), da cui si dipaneranno le riflessioni di molti artisti e pensatori: dal polemico Leonardo, sostenitore della superiorità “impressiva” della pittura, al più conservatore Giambattista Marino della Galeria e delle Dicerie sacre, fino alla visione unitaria, di ascendenza illuministica, di Gotthold Ephraim Lessing, passando per l’emblematica rinascimentale e il figurativismo barocco, il dibattito sulla relazione tra le due arti si arricchisce nel corso dei secoli di puntelli teorici fondamentali, rielaborati nella successiva riflessione romantica, nella rivoluzione sinestetica delle Avanguardie primo-novecentesche, nonché nel peculiare rapporto che lega pittura prima e fotografia poi nella definizione del modo realistico (cfr. P. Brooks, Realist Visions, 2005). Ancora nel Novecento Modernismo e Postmodernismo (si pensi solo a W. G. Sebald) dedicheranno al rapporto tra immagine e testo uno spazio importante.

Superata la dialettica della presunta competizione tra le due arti, la riflessione più recente della critica sui legami tra letteratura e iconografia, sulla scia di istanze estetiche di ascendenza romantica, analizza piuttosto le modalità della loro reciproca parentela, individuata e indagata sulla base della loro comune discendenza dalla medesima materia del poiein, in quanto creazione artistica, prodotto della vitalità del pensiero dianoetico: molti poeti e artisti contemporanei hanno sondato questo spazio “originario”condiviso dalle arti, allargando spesso il loro sguardo verso poetiche ed estetiche orientali.

L’apporto speculativo e pragmatico dell’analisi critica condotta secondo i princìpi del Formalismo, dello Strutturalismo e della Semiotica è stato determinante per lo studio delle affinità e divergenze dei due linguaggi (quello verbale e quello figurativo), mostrando la loro parziale sovrapponibilità, l’estensione e i limiti della loro reciproca traducibilità e le interferenze di codici che spesso producono opere di forza inattesa. Grazie al contributo di studiosi del calibro di William Guild Howard, Erwin Panofsky, Rensselaer Lee, Ernst Gombrich, Giovanni Pozzi, Cesare Segre, Fredric Jameson, Tzvetan Todorov, Mary Carruthers, Lina Bolzoni, Omar Calabrese, fino ai recenti apporti di Antonio Muñoz Molina e di Olivier Boulnois, tra molti altri, oggi ci appaiono più chiare le dinamiche compositive attraverso le quali letteratura e pittura svelano zone di vicendevole interferenza: da un lato, troviamo così il linguaggio letterario che sperimenta nuove strategie per aumentare le proprie possibilità figurative e plastiche (dalle scritture esposte medievali alla poesia visiva contemporanea), dall’altro, abbiamo la poetica del “visibile parlare”, ossia il tentativo messo in atto dalla pittura (ma anche dalla scultura) per realizzare un discours temporale, una sorta di paratassi metanarrativa (basti pensare alla sequenzialità dei retablos e dei cicli di affreschi, oppure al gioco prospettico tra primo piano e sfondo).

Questo spazio creativo che si può definire intersemiotico o “intergenerico”, caratterizzato dal dinamismo biunivoco del linguaggio poetico e del linguaggio pittorico, naturalmente aperto alla contaminazione e all’ibridazione e, proprio per questo, suscettibile di sempre nuove letture interpretative, ci è parso un terreno di incontro vasto e ancora ricco di percorsi da tracciare o ri-tracciare con i più recenti strumenti della critica; l’incontro programmato dal Seminario Permanente di Poesia vorrebbe pertanto essere un momento di dialogo inter- e pluridisciplinare sia a livello speculativo, sia a livello metodologico .

➢      Argomenti di approfondimento suggeriti

–    Riflessioni teoriche: poetica ed estetica della relazione tra pittura e letteratura.

–   Rapporto tra letteratura e arti figurative in prospettiva sincronica e diacronica; all’interno di movimenti artistici, Scuole, circoli, ecc.; nell’opera di singoli autori.

–    Riflessioni di poeti e scrittori sul tema dell’ut pictura poesis.

–    Relazione tra forme letterarie (poetiche o narrative) e forme artistiche.

–   Manifesti, pamphlet, carteggi, cataloghi o libri d’artista, importanti per la teorizzazione dell’interscambio tra letteratura e arti figurative.

–    La scrittura ecfrastica (creativa e/o saggistica) in letteratura.

➢      Domanda di partecipazione al Convegno

Tutti gli studiosi interessati a partecipare sono pregati di inviare un Abstract non eccedente le 300 parole per interventi di 20 minuti, accompagnato da una breve nota bio-bibliografica (max 150 parole), al seguente indirizzo di posta elettronica utpictura.trento (AT) gmail.com

La scadenza per la presentazione dell’Abstract è fissata venerdì 8 agosto.

Gli Autori verranno informati dell’esito positivo o dell’esito negativo del processo di selezione delle proposte inviate entro il mese di agosto.

Gli Atti del Convegno saranno pubblicati su collana scientifica dotata di peer-review.

Per ulteriori informazioni e qualunque eventuale chiarimento, si prega di contattare la Segreteria organizzativa del Seminario Permanente di Poesia, all’indirizzo di posta elettronica utpictura.trento (AT) gmail.com.

Annunci

One thought on “Ut pictura poesis. Intersezioni di arte e letteratura

  1. Pingback: Arte y poesía de Juan Carlos Mestre en Trento | Borges en El Bierzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...